venerdì 20 gennaio 2012

I quattro fiumi & quello che accade quando Fred Vargas decide di scrivere una graphic novel

                                                                                     

Parliamone. Quando ho scoperto l'esistenza di questa graphic novel non ho potuto  fare a meno di farmela 
regalare dal mio ragazzo XD e di iniziare subito la lettura.
Ne avevo sentito parlare abbastanza male invece 
l'ho trovata molto piacevole, certo non al livello di "La cavalcata dei morti",ma bisogna considerare il fatto che
la trama della storia per essere su disegni deve essere leggermente più semplice. 
Questa volta Vargas ci racconta un caso di furto: Gregoire, sempre con i roller ai piedi e Vincent motociclista sfegatato rubano una borsa ad un vecchio signore. Il colpo di una vita: semplice e pulito. Ma vogliamo scomodare il grande commissario Adamsberg per
un semplice furto? no no. Le cose si fanno interessanti quando i due ladruncoli aprono la borsa: dentro trentamila sacchi ma anche strani oggetti da chiromante, denti e capelli umani,tarocchi...I due si spaventano ma non vogliono rinunciare di certo al denaro e questo è il loro sbaglio, perché quella stessa notte Vincent viene assassinato. Gregoire sa di essere il prossimo e cerca di fuggire. Ed ora possiamo scomodare Adamsberg, un caso di omicidio violento,una casa rivoltata, dei segni sulla coscia della vittima, questo fa per lui che con il suo grande intuito vede già molto di più nella morte del ragazzo.
Ai disegni troviamo l'artista Badouin,che con dei disegni e un tratto molto particolari e secondo me adattissimi alla storia riesce a completare l'opera di Vargas rendendola unica. La storia e i disegni danno un ritmo particolare alla graphic novel quasi una sfida tra il lettore e il commissario per chi arriverà prima alla fine del caso. Inoltre la storia è piena di quei dettagli e particolarità che solo Vargas sa inventare, un esempio: il padre di  Gregoire sta costruendo una statua fatta di lattine e tappi di birra raffigurante la fontana dei quattro fiumi di Piazza Navona, a Roma(opera del Bernini),e questo ha tutto un suo significato (che non vi dico per non spoilerarvi nulla) nella storia.  E quando poi Vargas cita anche una delle tue birre preferite,come fare a resistergli? XD
Che ne pensate? Conoscevate già quest magnifica scrittrice? e che mi dite dell'unione parole disegni?

2 commenti:

  1. Ciao! ^^
    Sul mio blog ti aspetta una piccola sorpresa! ^^
    http://ilpozzodeisussurri.blogspot.com/2012/01/versatile-blogger-anche-per-il-pozzo-w.html

    RispondiElimina
  2. ciao un premio per te sul mio blog!!!
    http://chicchidipensieri.blogspot.com/2012/01/liebster-blog.html

    RispondiElimina

A voi la parola ;)