martedì 26 marzo 2013

Letture sul bus #10: L'uomo dei cerchi azzurri

Il percorso in autobus non è sempre una noia e non si vedono solo persone strane e isteriche, ogni tanto si ha la fortuna di vedere la mia tipologia di persone preferite: i lettori e quand'è così come fare a resistere alla tentazione di sbirciare cosa stanno leggendo???!!!
Io non posso XD in questa rubrica vi faccio vedere che cosa leggono le persone nell'autobus sperando di trovare qualche bel libro che ancora non conosciamo.
Ieri, sul bus per l'uni, una ragazza molto carina stava leggendo L'uomo dei cerchi azzurri di Fred Vargas, libro che mi è piaciuto moltissimo.


Da quattro mesi i marciapiedi di Parigi riservano una sorpresa apparentemente innocua: grandi cerchi blu tracciati con il gesso, e al centro una serie di oggetti stravaganti: un trombone, una pinzetta, un vasetto di yogurt, una candela... I giornalisti indagano per sfamare l'interesse dei lettori e gli psicologi si dividono tra chi grida al maniaco, e chi ipotizza la burla. Adamsberg, però, non trova nulla di divertente nell'escalation dei cerchi: la sua fine psicologia di conoscitore del male gli lascia intuire che dietro l'apparente stramberia si nasconde qualcosa di morboso. E ben presto i fatti gli danno ragione: un'altra alba e un altro cerchio su un marciapiede, ma stavolta, al centro esatto, un corpo di donna. Parte così una corsa contro il tempo per fermare un assassino del quale si ignora letteralmente tutto.


Ad attirare la mia attenzione è che aveva la nuova edizione:  che però non mi piace molto (tra le altre cose, la scritta gialla è troppo grande) . Preferisco quella vecchia ;)

A voi quale piace di più? avete letto questo libro? Avete sbirciato qualche titolo dai vostri vicini di metro/tram/bus/treno?

5 commenti:

  1. Oh amo amo amo vargas!!!!si lo letto, li ho letti tutti..non è tra i miei preferiti ma merita sicuramente ..bella lettura;:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) non vedo l'ora che ne esca uno nuovo!!!!Mi prendono tantissimo <3
      Qual'è il tuo preferito?

      Elimina
    2. sono due: nei boschi eterni e un luogo incerto....anch'io non vedo l'ora che scriva ancora!!!! il più brutto l'umo a rovescio, forse perché avevo intuito subito la fine..cosa che con lei non mi era mai mai successa

      Elimina
  2. Anch'io adoro questo libro e in generale Fred Vargas, li ho letti tutti. Questo qui insieme a "chie è morto alzi la mano" sono i miei preferiti!

    RispondiElimina
  3. Ciao, non l'ho ancora letto. Il club del libro si.
    Gli anno dato come voto 21. Tieni presente che il voto è stile universitario.
    Dicono che è tutta psicologia vero?
    Mi devo cimentare. Appena faccio un po di soldi giuro che lo compro.

    RispondiElimina

A voi la parola ;)