venerdì 15 marzo 2013

Recensione:Il canto del cielo di Sebastian Faulks

Buon venerdì lettori!!!Oggi vi voglio recensire Il canto del cielo di Sebastian Faulks (beat edizioni).
Il libro è ambientato in tre archi temporali diversi e ognuno di essi ha un tema portante.
Nel primo siamo nel 1910 e l'autore ci racconta una storia d'amore:
Il giovane inglese Stephen Wraysford è in Francia per lavoro e incontra Isabelle, una donna irreprensibile, intelligente e bella, sposata, però, ad un uomo che la rende infelice. 
Tra i due scoppia un improvvisa passione, ma la loro storia d'amore dovrà affrontare non pochi ostacoli.
La seconda parte del libro è completamente diversa, anche se il luogo in cui si svolge è lo stesso, l'argomento portante è la guerra. Infatti, sono passati sette anni e Stephen decide di arruolarsi nell'esercito durante la Prima guerra mondiale. Attraverso queste pagine il lettore vedrà gli orrori della guerra e come viene affrontata dalla gente comune, costretta a combattere e lasciare la propria famiglia. 
Queste pagine risultano molto crude e intense, con molte descrizioni, ci vuole un po per metabolizzarle.
Nella terza e ultima parte, il lettore si troverà nel 1978. La  protagonista è Elizabeth, una donna single che cercando di riscoprire le sue origini, trova i diari del nonno Stephen, e tramite questi tutto si ricollega.
I personaggi, con i loro diffetti e paure, risultano molto realistici.
Ma, secondo me, il maggior pregio di questo libro è di essere scritto molto bene, un linguaggio ricercato, delle belle descrizioni, un andamento lento ma non noioso.
Aspetto i vostri pareri...


2 commenti:

  1. Non saprei, di getto ti dico che m'ispira di più il libro che hai recensito l'altro giorno "l'ombra del silenzio", anche se non mi dispiacciono i libri che ripercorrono la storia partendo dall'ultima generazione.
    Ci penso!

    RispondiElimina
  2. anche io ho ricevuto hybrid e sono molto curiosa *_*

    RispondiElimina

A voi la parola ;)