giovedì 5 dicembre 2013

Recensione: POD. PERLE DI ORRORE E DISTRUZIONE


Ieri sera ho finito: POD. PERLE DI ORRORE E DISTRUZIONE di Stephen Wallenfels. 

Un libro molto particolare. Un giorno come tanti nel cielo compaiono delle misteriose sfere, lucide, che assomigliano a delle enormi perle, chi ha la sfortuna di trovarsi all'esterno viene risucchiato, non si sa dove, da un raggio luminoso, che però sembra risparmiare gli animali e le case. Perchè? Cosa vogliono? Da dove vengono? Sono le domande che riempiono la testa di due ragazzi: Megs, piccola ma determinata, rimasta bloccata in un parcheggio e Josh, chiuso in casa con un padre ossessionato dalla pulizia.
La storia ci viene raccontata dal loro punto di vista: un capitolo per ogni giorno, per ognuno dei due.
Lo stile che usa l'autore è minimalista: frasi molto corte, pochi aggettivi, descrizioni quasi nulle. Si concentra molto su un ritmo veloce e su ampie scene di movimento e azione.
Vi avviso, il romanzo non si dilunga sulla parte di fantascienza ma sulla sopravvivenza: dove nascondersi, come trovare l'acqua, come razionare il cibo, come non impazzire e, soprattutto, come salvare le ultime cose importanti rimaste: che siano persone o animali.
La parte che mi ha lasciato un po sconvolta, di questo libro, è proprio la decisione di tralasciare le POD, per tutte le pagine mi sono fatta una serie di domande e ho pensato che le risposte sarebbero arrivate da un momento all'altro: invece niente!!!! E il finale non fa altro che peggiorare la situazione, mettendo nuova carne (e domande) sul fuoco. 
Parlando dei personaggi: Megs è adorabile e la sua parte di storia la più interessante, Josh non mi ha colpito. Mi sarebbe piaciuto sapere di più della ragazza dei messaggi sulla finestra.
Comunque, l'autore è riuscito nell'intento di incuriosirmi, dovrò leggere il seguito, che sperò uscirà presto, ho troppe domande senza risposta.
molto

Che ne pensate? Vi attira?

6 commenti:

  1. Buongiornooo **
    che bella la nuova grafica!! *-*
    Allora ho letto anche io POD e l'ho trovato molto carino, 3 stelle e mezzo! Ho notato anche io lo stile molto minimale e il collegamento tra i due ragazzi che raccontano si capisce solo nel finale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo sai che non ci avevo pensato al collegamento??!!
      Ci sono arrivata solo dopo aver letto il tuo commento, è una geniale^^
      Grazie =)

      Elimina
  2. L'ho iniziato qualche giorno fa e spero mi venga la voglia di leggerlo perché per ora non faccio altro che pensare ancora al libro che avevo finito prima di iniziare questo :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me quello di cui parli non è piaciuto così tanto :( mi aspettavo qualcosa di più.

      Elimina
  3. Questo titolo mi ispira un sacco... Certo il fatto che lasci una vagonata di domande senza risposta funge un po'da deterrente, ma temo che non resistero` a lungo prima di cedere alla tentazione di comprarlo ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Lorenza si, è un po fastidioso questo non sapere, ma anche intrigante mi sto facendo 3000 teorie^^
      Poi se lo leggi ne possiamo parlare meglio ;)

      Elimina

A voi la parola ;)