venerdì 4 luglio 2014

Per noi sarà sempre estate di Jenny Han

Buon 4 luglio, lettori!! Cosa state leggendo?


Oggi parliamo di Per noi sarà sempre estate di Jenny Han volume conclusivo di: "The Summer Trilogy", di cui vi ho già recensito i primi due capitoli:  L'estate nei tuoi occhi e Non è estate senza di te, e andiamo a scoprire cosa succede a Belly, Conrand e Jeremiah...

Il libro si può riassumere in poche parole: Belly si vuole sposare e ovviamente sceglierà uno dei due fratelli, ma quale?

Il libro è il più inutile dei tre, tantissime pagine per organizzare il matrimonio, e come al solito quando diventa tutto troppo difficile vengono chiamati gli adulti, perché lei ancora non può definirsi tale (questa volta non la madre ma la segretaria del signor Fisher, una vera scelta di classe).
Lo sviluppo, la vita da college, come il finale sono, piuttosto banali, le cose vanno sempre come ci si aspetta, nessun colpo di scena, i cambiamenti e i sentimenti vengono trattati in modo superficiale.
Il problema è proprio questo: NON HO PROVATO NESSUNA EMOZIONE, e in un libro del genere, con una trama non molto originale, far innamorare un lettore dei tuoi personaggi e dei luoghi di cui scrivi è FONDAMENTALE.
Invece Belly è immatura e piatta, sembra che non freghi niente,della sua storia, neanche a lei, Jeremiah e Conrad sono uguali, per come sono stati caratterizzati, la ragazza avrebbe potuto tirare una monetina per decidere con quale dei due mettersi.
I personaggi secondari sono dei cliche, di cui si poteva fare a meno.
Si salvano giusto qualche scena, come quella finale, o alcune divertenti che strappano un sorriso e il fatto che libro è scorrevole e si legge in una giornata di mare.
Questo non ve lo consiglio, se volete: il primo è carino e il secondo si può leggere, ma questo potete benissimo evitarlo.
Se vi piacciono le storie del genere ma fatte un pochino meglio buttatevi su The vincent boys di Abby Glines.
















Io ho sempre amato soltanto due ragazzi, entrambi con il cognome Fisher. 
Conrad è stato il primo, e l'ho amato come lo si può fare solamente la prima volta.
Poi c'è stato Jeremiah. I miei due grandi amori.

6 commenti:

  1. Come ti capisco.. questo è stato proprio un pessimo volume -.-" io lo avevo detto fin dal primo libro: per me Belly poteva anche innamorarsi del postino e scappare con lui, non me ne sarebbe importato di meno xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una storia con il postino la vedo bene :P

      Elimina
  2. Come il più inutile dei tre? :o la cosa si fa interessante ma anche molto molto preoccupante :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo si, il primo è quello che mi è piaciuto di più dei tre, si respira più aria estiva e ci sono più sentimenti. Speriamo la prossima estate ci porti qualcosa di meglio ;)

      Elimina
  3. Non penso inizierò questa serie... :(
    The vincent boys invece l'ho letto qualche tempo fa, e beh si non è un granchè però non era nemmeno illegibile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte alcuni termini tradoti in modo ridicolo era stata una lettura piacevole, leggera e scorrevole, ma un pò più vivida.
      Comunque non ti perdi niente ;)

      Elimina

A voi la parola ;)